come scegliere enzimi digestivi

ENZIMI DIGESTIVI – COSA SONO E COME INTEGRARLI

Fitoterapici, procinetici, probiotici ed elenchi di alimenti a basso contenuto di FODMAP … c’è molto di cui tenere traccia quando si ha a che vedere con la SIBO (sovracrescita batterica nel tenue) o la disbiosi intestinale

Spesso ci dimentichiamo di un altro strumento molto importante da un punto di vista terapeutico: gli enzimi digestivi. Analizziamone i benefici

Cosa sono gli enzimi digestivi?

Gli enzimi digestivi ci aiutano a scomporre il cibo che mangiamo in molecole che possono essere assorbite e utilizzate dal nostro corpo.

Immagina che il tuo apparato digerente sia una lavastoviglie e il cibo che mangi sono i piatti sporchi che carichi nella lavastoviglie. Gli enzimi digestivi sono come il sapone che aggiungi alla lavastoviglie. Senza il sapone, l’acqua da sola sarà in grado di pulire i piatti … ma quando si aggiunge il sapone, i piatti risultano perfettamente puliti.

Otteniamo enzimi digestivi in ​​due modi: il nostro corpo produce alcuni enzimi digestivi da solo nella saliva, nel pancreas, nel fegato e nella cistifellea, così come nel rivestimento dell’intestino, e ci sono anche enzimi digestivi presenti in natura in molti alimenti.

I tre principali tipi di enzimi digestivi sono:

  • Proteasi: scompone le proteine
  • Lipasi: scompone il grasso
  • Amilasi: scompone gli amidi

Ma ci sono molti altri tipi di enzimi, compresi gli enzimi collocati sul bordo degli orletti a spazzola nei microvilli intestinali, che si trovano nel rivestimento dell’intestino tenue e includono la lattasi, che scompone il lattosio dello zucchero del latte e la saccarasi per digerire il saccarosio.

Quando gli enzimi digestivi non funzionano

Idealmente, dovresti avere molti enzimi digestivi dal cibo che mangi e dalla produzione del tuo corpo, ma per molte ragioni, vi è un apporto inadeguato, in particolare nelle seguenti condizioni:

  • Stress
  • Affaticamento (fisico e mentale)
  • Predisposizione genetica (come nell’intolleranza al lattosio)
  • Morbo di Crohn
  • Insufficienza pancreatica esocrina (EPI)
  • Fibrosi cistica
  • Intestino permeabile
  • SIBO e disbiosi

Se non ci sono sufficienti enzimi o funzionano male potresti avere:

  • Gonfiore
  • Gas
  • Dispepsia (ovvero sentirsi male quando si mangia)
  • Capelli, pelle e unghie fragili
  • Malassorbimento
  • Fatica
  • Cibo non digerito nelle feci
  • Costipazione / diarrea
  • Intolleranze alimentari

In che modo gli enzimi digestivi possono aiutare?

Gli enzimi digestivi possono giovare a molte, forse anche alla maggior parte, delle persone, ma sono particolarmente importanti se soffri di SIBO, cattiva digestione, malassorbimento o disbiosi

  • Riducono i sintomi. Gli enzimi digestivi possono ridurre gonfiore, gas, costipazione e diarrea, alcuni dei sintomi più fastidiosi che ci siano.
  • Possono aiutarti a espandere la tua dieta. Molte persone scoprono che gli enzimi digestivi espandono la loro lista di “cibi sicuri” aumentano il grado di tolleranza verso un numero maggiore di alimenti
  • Migliorano l’assorbimento dei nutrienti. Se hai avuto un calo di peso non desiderato, gli enzimi digestivi possono aumentare l’assorbimento dei nutrienti, aiutandoti ad avere un maggior equilibrio ponderale e resistere il calo di peso

Vuoi saperne di più su come scegliere gli enzimi digestivi più appropriati per la tua condizione e di come integrarli nelle strategie alimentari e terapeutiche che stai seguendo? Contattami attraverso i canali social o su questo blog per un breve consulto gratuito

#disbiosidoctor #rogerpanteri #enzimidigestivi #malassorbimento #SIBO #disbiosi #dispepsia #gonfiore #digestione #intestinopermeabile

Foto da Verywell Health

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scrivimi le tue necessità per avere una prima consulenza telefonica gratuita di 15 minuti